Salvatore Tripodi

Come funziona il vaccino Pfizer-BioNTech

  • Salvatore Tripodi
  • 04/01/2021

 

Di Jonathan Corum e Carl Zimmer

(traduzione e adattamento dell’articolo del New York Times del  29 Dicembre 2020, purtroppo le didascalie delle figure sono state tradotte, ma nel formato inglese)

Immagine che contiene antenna

Descrizione generata automaticamente

La società tedesca BioNTech ha collaborato con Pfizer per sviluppare e testare un vaccino contro il coronavirus noto come BNT162b2 , il nome generico tozinameran o il marchio Comirnaty . Uno studio clinico ha dimostrato che il vaccino ha un tasso di efficacia del 95% nella prevenzione del Covid-19.

Un pezzo del Coronavirus

Il virus SARS-CoV-2 è costellato di proteine che utilizza per entrare nelle cellule umane. Queste cosiddette proteine ​​spikes (=punte) sono un bersaglio allettante per potenziali vaccini e trattamenti .

Come il vaccino Moderna , il vaccino Pfizer-BioNTech si basa sulle istruzioni genetiche del virus per costruire la proteina spike.

mRNA all’interno di un guscio oleoso

Il vaccino utilizza l’RNA messaggero, materiale genetico che le nostre cellule leggono per produrre proteine. La molecola – chiamata mRNA in breve – è fragile e verrebbe fatta a pezzi dai nostri enzimi naturali se fosse iniettata direttamente nel corpo. Per proteggere il loro vaccino, Pfizer e BioNTech avvolgono l’mRNA in bolle oleose costituite da nanoparticelle lipidiche.

A causa della loro fragilità, le molecole di mRNA cadrebbero rapidamente a pezzi a temperatura ambiente. Pfizer fornisce contenitori speciali con ghiaccio secco, sensori termici e localizzatori GPS per garantire che i vaccini possano essere trasportati a –70 ° C per rimanere efficaci.

Entrata del vaccino in una cella del ricevente

Dopo l’iniezione, le particelle del vaccino urtano le cellule e si fondono con esse, rilasciando mRNA. Le molecole della cellula leggono la sua sequenza e costruiscono delle proteine spikes. L’mRNA del vaccino viene infine distrutto dalla cellula, senza lasciare tracce permanenti.

Alcune delle proteine ​​spikes  migrano sulla superficie della cellula e sporgono dalla membrana cellulare con le loro punte. Le cellule vaccinate, inoltre, suddividono anche delle proteine ​spikes ​in frammenti, che espongono sulla loro superficie. Questi picchi sporgenti e frammenti di proteine ​​spikes possono quindi essere riconosciuti dal sistema immunitario del soggetto vaccinato.

Individuare l’intruso

Quando una cellula vaccinata muore (n.d.t. che è un evento naturale per quasi tutte le cellule del nostro organismo), i detriti conterranno molte proteine ​​spike e frammenti proteici, che possono quindi essere assorbiti da un tipo di cellula immunitaria chiamata cellula che presenta l’antigene.

Questa cellula presenta a cellule specializzate del nostro sistema immunitario frammenti della proteina spike sulla sua superficie. Quando altre cellule chiamate cellule T helper rilevano questi frammenti, le cellule T helper possono dare l’allarme e aiutare altre cellule immunitarie a combattere l’infezione.

Produzione di anticorpi

Altre cellule immunitarie, chiamate cellule B, possono riconoscere gli spike di coronavirus sulla superficie delle cellule vaccinate o frammenti di proteine ​​spike fluttuanti. Alcune cellule sono in grado di agganciarsi alle proteine ​​spike. Se questi linfociti B vengono poi attivati ​​dai linfociti T helper, inizieranno a proliferare e produrranno e libereranno anticorpi che riconoscono e attaccano la proteina spike dell’eventuale Cortonavirus che dovesse penetrare nel soggetto.

Fermare il virus

Gli anticorpi possono attaccarsi ai picchi del coronavirus, contrassegnare il virus per la distruzione e prevenire l’infezione bloccando gli spike dall’attaccarsi ad altre cellule.

Immagine che contiene freccia

Descrizione generata automaticamente

Uccidere le cellule infette

Le cellule che presentano l’antigene possono anche attivare un altro tipo di cellula immunitaria chiamata cellula T killer per cercare e distruggere le cellule infettate da coronavirus che mostrano i frammenti di proteine ​​spike sulla loro superficie.

Memoria immunologica per il virus

Il vaccino Pfizer-BioNTech richiede due iniezioni, somministrate a distanza di 21 giorni, per innescare il sistema immunitario abbastanza bene da combattere il coronavirus e mantenere una buona memoria immunologica. Ma poiché il vaccino è così nuovo, i ricercatori non sanno per quanto tempo potrebbe durare la sua protezione.

Prima dose 0,3 ml 

Seconda dose: 21 giorni dopo

Uno studio preliminare ha rilevato che il vaccino sembra offrire una forte protezione circa 10 giorni dopo la prima dose , rispetto alle persone che assumono un placebo, ma il risultato ottimale si ottiene 7 giorni dopo la seconda dose (quindi 28 giorni dopo la prima):

È possibile che nei mesi successivi alla vaccinazione il numero di anticorpi e di cellule T killer possa diminuire. Per fortuna, il sistema immunitario contiene anche cellule speciali chiamate cellule B della memoria e cellule T della memoria che conservano le informazioni sul coronavirus per anni o addirittura decenni.

Per ulteriori informazioni sul vaccino, vedere il vaccino Covid di Pfizer: 11 cose che devi sapere .

 

 

CONDIVIDI

Seguici su:

Contatori

  • 61736Totale letture:
  • 52Letture odierne:
  • 449Letture scorso mese:
  • 46922Totale visitatori:
  • 19Oggi:
  • 322Visitatori per mese:
  • 0Utenti attualmente in linea:
  • 17/05/2018Il contatore parte dal 17/05/2018:

Categorie

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere costantemente informato

Loading

Archivi

Navigando sul nostro sito accetti la privacy policy. Il sito utilizza i cookies di terze parti per profilare gli utenti.
Maggiori informazioni