Salvatore Tripodi

L'immagine può contenere: 1 persona, persona sedutaDue studi – pubblicati rispettivamente da Science e Science Immunology (Due tra le più importanti riviste mediche) – accendono i riflettori sula pericolosità del morbillo. Questa malattia infettiva è in grado di provocare una sorta di “amnesia immunologica” nell’organismo, che “dimentica” di rispondere alle nuove infezioni. Ne deriva, come anche recentemente ribadito dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) l’importanza fondamentale della vaccinazione
========================================
05 NOV – (Reuters Health) – Prendere il morbillo è assai pericoloso, perché questa malattia infettiva distrugge l’immunità che l’individuo ha acquisito per altre malattie.

Questa evidenza emerge da due studi, i cui risultati aiutano a spiegare perché i bambini spesso prendono altre malattie infettive dopo aver contratto il morbillo e sottolineano i pericoli della crescente resistenza alla vaccinazione infantile in alcuni Paesi.

Gli studi mostrano per la prima volta in che modo il morbillo – una delle malattie più contagiose – riporta il sistema immunitario umano a uno stato immaturo come quello di un bambino, con una capacità limitata di combattere nuove infezioni.

“Questa è una dimostrazione diretta nell’uomo di “amnesia immunologica”, in cui il sistema immunitario dimentica come rispondere alle infezioni incontrate in precedenza”, dice Velislava Petrova, del Wellcome Sanger Institute della Gran Bretagna e dell’Università di Cambridge, che ha co-guidato uno dei due studi pubblicati su Science Immunology.

Stephen Elledge, genetista e ricercatore del Howard Hughes Medical Institute degli Stati Uniti, co-autore del secondo studio pubblicato su Science, afferma che i risultati costituiscono “prove davvero forti che il virus del morbillo sta effettivamente distruggendo il sistema immunitario”.

Il virus del morbillo provoca tosse, eruzioni cutanee e febbre e può portare a complicanze potenzialmente fatali tra cui la polmonite e un’infiammazione del cervello nota come encefalite.

Il morbillo può essere prevenuto con due dosi di un vaccino che si sono dimostrate sicure ed efficaci ed è in uso dagli anni ’60, ma tre settimane fa gli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) hanno registrato di una “impennata allarmante” di casi di persone non vaccinate in tutte le regioni del mondo.

Nei primi tre mesi di quest’anno, il numero di casi è quadruplicato rispetto allo stesso periodo del 2018, secondo quanto mostrano i dati dell’Oms.

Lo studio
I due team hanno esaminato un gruppo di persone non vaccinate nei Paesi Bassi per scoprire cosa fa il morbillo al sistema immunitario.
Nel primo dei due studi, hanno sequenziato i geni anticorpali di 26 bambini, prima l’infezione da morbillo e poi da 40 a 50 giorni dopo, e hanno scoperto che gli anticorpi specifici che erano stati sviluppati contro altre malattie erano scomparsi dal sangue dei bambini.

I risultati del secondo studio hanno evidenziato come l’infezione da morbillo abbia distrutto tra l’11% e il 73% degli anticorpi protettivi dei bambini rendendoli vulnerabili alle infezioni da cui erano stati immunizzati in precedenza

(Articolo ripreso da Quotidiano Sanità del 5 Nov 2019)

Mettici un like:
error0

209total visits,2visits today

Contatori

  • 26544Totale letture:
  • 8Letture odierne:
  • 1407Letture scorso mese:
  • 18765Totale visitatori:
  • 4Oggi:
  • 1243Visitatori per mese:
  • 0Utenti attualmente in linea:
  • 17/05/2018Il contatore parte dal 17/05/2018:

Categorie

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere costantemente informato

Archivi